COSA STAI FACENDO PER TE?

Dal libro di Oscar Travino

A te che non sai che strada prendere, che ti senti di aver scelto una vita che non volevi, a te che cambiare ti terrorizza.

A me che durante quelle telefonate in cui mi sembra di vedere le lacrime rigarti il volto non riesco a trovare mai le parole che servono.

Credo che esistano due insegnamenti che si possono dare ai figli.

Si può insegnare che una volta presa una decisione bisogna impegnarsi perché tutto funzioni, che è una questione di responsabilità, che la vita è fatta anche di rinunce e compromessi, che i piatti della bilancia spesso non saranno in equilibrio.

Ma si può insegnare anche che a volte le scelte possono essere sbagliate, che impegnarsi non basta, che ci si era creati delle aspettative che non si sono avverate, che non esistono decisioni che non devono o non possono essere rimesse in discussione, che per quanto grandi e importanti siano gli interessi in gioco non è l’ammettere l’errore il fallimento. Il fallimento è lasciarsi scavare dentro dall’insoddisfazione, è permettere a qualcuno di decidere la vita che devi vivere e come devi farlo, è convincersi di doversi rassegnare perché rassegnarsi è segno di responsabilità.

Eh no amica mia, a volte responsabilità è prendere coraggio e affrontare la paura. È trasmettere ai figli la consapevolezza di poter sbagliare senza che un errore, qualunque esso sia, possa spegnergli la vita.
E il migliore esempio per questo SEI TU.

Tra i due non esiste quello perfetto, sono entrambi insegnamenti importanti e validi. Qualunque sceglierai di trasmettergli avrai fatto un buon lavoro e io sarò lì a stringerti la mano, a sostenere quel sorriso che nasconde la delusione.

Ma da amica sappi che il miglior insegnamento che puoi dare ai tuoi figli è quello di essere felici, qualunque cosa questo significhi.
Scegli per la felicità e avrai fatto la scelta giusta.

Questo post è per te amica mia. Per tutte le parole di cui avresti bisogno e che io non riesco a trovare. Per i consigli, i confronti, le esperienze. Perché anche se non ti sembra così, non sei sola. Per dove io non so arrivare se non con il più immenso degli abbracci.

#vitadamamma #esseremamma #amicamia #mammablogger

 

ARTICOLI CORRELATI

Ritrovarsi dopo un figlio, depressione postpartum, trovare tempo per sé con un neonato, non avere tempo per sé con un bambino, la vita dopo i figli, divorzio con i figli, divorzio dopo i figli, separazione con bambini, separazione come gestire i figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque − tre =